Skip to content
Home » Infiltrazioni tetti in legno: come intervenire

Infiltrazioni tetti in legno: come intervenire

infiltrazioni tetti in legno

Sono tra i tetti esteticamente più belli mai concepiti, ma al contempo, per mantenerne la bellezza, non si può prescindere da una cura attenta nel corso del tempo.

Stiamo parlando dei tetti in legno, e nello specifico delle infiltrazioni che possono causare il deterioramento sia delle tegole che della guaina sottostante, fino ad arrivare all’interno dell’abitazione.

In questo articolo vedremo quali sono le principali ragioni che influiscono sulla tenuta del tetto in legno e come si può impermeabilizzare un tetto in legno in maniera efficace.

Cause di rovina del tetto in legno

Le infiltrazioni nei tetti in legno possono essere causate da diversi fattori.

Uno dei principali motivi è l’usura del materiale nel tempo, dovuta all’esposizione prolungata agli agenti atmosferici come pioggia, neve, vento e raggi UV.

L’acqua è il nemico numero uno del legno, e se non adeguatamente protetto, il legno può assorbire umidità, gonfiarsi e indebolirsi.

Inoltre, le infiltrazioni possono essere causate da difetti di costruzione, come l’uso di materiali di scarsa qualità o l’installazione inadeguata delle coperture e delle guaine impermeabilizzanti.

Un altro fattore significativo è la mancanza di manutenzione periodica.

Foglie, rami e altri detriti possono accumularsi sulle tegole, impedendo il corretto deflusso dell’acqua e causando ristagni che, a lungo andare, possono penetrare nel legno.

Infine, anche l’attacco di insetti xilofagi e funghi può compromettere l’integrità del tetto, rendendolo più suscettibile alle infiltrazioni.

Come impermeabilizzare un tetto in legno

Per prevenire le infiltrazioni e proteggere il tetto in legno, è fondamentale adottare adeguate tecniche di impermeabilizzazione.

Una delle soluzioni più comuni è l’utilizzo di membrane plastiche. Queste possono essere applicate direttamente sulla superficie del tetto prima della posa delle tegole, creando una barriera efficace contro l’acqua.

Tra le membrane plastiche sintetiche rientrano, ad esempio, il TPO o il PVC, ma è possibile scegliere anche una classica guaina bituminosa, realizzata con una base di bitume modificato.

Un’alternativa possibile prevede l’uso di guaine liquide impermeabilizzanti. Queste vengono applicate in forma liquida, spruzzate proprio come una vernice, e poi si solidificano, creando così uno strato continuo e senza giunture che sigilla perfettamente il tetto.

Le guaine liquide sono particolarmente utili per coprire superfici irregolari o complesse, dove le membrane tradizionali potrebbero non aderire correttamente.

Oltre ai materiali, anche le tecniche utilizzate per la posa dei tetti in legno hanno la loro rilevanza. Ad esempio, la tecnica del doppio tavolato può essere utilizzata per migliorare l’impermeabilizzazione.

Consiste nell’installare due strati di tavole di legno tra cui viene posizionata una barriera impermeabilizzante. Questo metodo aumenta la resistenza del tetto agli agenti atmosferici e garantisce una protezione maggiore contro le infiltrazioni.

Infine, è possibile applicare trattamenti idrorepellenti al legno stesso. Questi prodotti penetrano nel legno e creano una barriera che respinge l’acqua, riducendo significativamente la capacità del legno di assorbire umidità.

Tuttavia, è importante sottolineare che questi trattamenti devono essere applicati periodicamente per mantenere la loro efficacia nel tempo.

Impermeabilizzazioni tetti in legno: contatta Coperedil

Devi riparare il tetto in legno dalle infiltrazioni? La ditta Coperedil SRLS è pronta a fornirti la protezione necessaria eseguendo impermeabilizzazioni in PVC, TPO, guaina e membrane termoplastiche.

Contattaci per richiedere un sopralluogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *